Endodonzia

L’endodonzia è la branca dell’odontoiatria che si occupa dei tessuti interni del dente, delle patologie connesse e dei relativi trattamenti. L’intervento endodontico è necessario in presenza di tessuti infiammati o infetti a causa di una carie in profondità o di traumi vari (scheggiature, incrinature, fratture). La polpa, ovvero la parte molle all’interno del dente, chiamata comunemente nervo, in età adulta tende a diventare più sottile. Nei casi in cui risulta danneggiata, si può intervenire con la terapia endodontica, più conosciuta con il nome di devitalizzazione, che risolve il problema senza dover ricorrere all’eradicazione del dente. La polpa infiammata viene quindi rimossa e sostituita con un riempimento dei canali radicolari permanente: in questo modo il dente sul quale si è intervenuti non sarà più soggetto ad infezioni e potrà continuare a svolgere le sue funzioni.